• Ultimi arrivi

  • Prossimi eventi

    Nessun evento in arrivo

  • Archivi

  • giugno: 2009
    L M M G V S D
    « Mag   Lug »
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  
  • Categorie

  • Da leggere in Rete!

  • Commenti recenti

    Una sitografia per i… su La Shoah raccontata ai (e dai)…
    dariotommaseo su I PAESI SI RACCONTANO, L…
    Accademia europea di… su MANGA OPEN DAY
    fb hacker online su Cuba, que linda es Cuba, mostr…
    a main hobbies su CITTADINI O SUDDITI? RIFLESSIO…
  • RSS Ultime recensioni

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
  • Amaci!

    Add to Technorati Favorites

    Culture Blogs - Blog Catalog Blog Directory

Le regine dell’estate

Forti, complesse, coraggiose. Razionali o appassionate. Tessitrici o vittime d’intrighi, votate solo al potere oppure sofferenti per amore. Ma eternamente affascinanti: sono le sovrane d’Europa, regine di imperi e di cuori, a cui sono stati dedicati tanti libri che incontrano sempre un enorme successo fra i nostri lettori.

Anche alcuni acquisti recenti sono stati dedicati a loro; e ora che si avvicina il tempo di pensare ai libri da portare sotto l’ombrellone, in tanti decidono di dedicare le loro ore di relax e tempo libero alle biografie delle regine, a metà tra storiografia e romanzo.

Per questo abbiamo pensato ad alcuni consigli di lettura, fra novità editoriali e titoli ormai classici, conditi da qualche ottimo film.

Cominciamo con uno scenario turbolento e rosso di sangue, quello dell’Inghilterra dei Tudor. Caterina, la prima moglie di Philippa Gregory è un volume appena comprato e subito andato a ruba su Caterina d’Aragona, prima moglie di Enrico VIII: una figura chiave della storia d’Inghilterra, poiché non riuscendo a generare un erede fu ripudiata dal Re a favore di Anna Bolena, con ciò dando inizio ad una serie di divorzi, matrimoni, complotti, e guerre di religione in terra d’Albione. Alla sua “rivale”, Anna Bolena – prima amante e poi moglie controversa di Enrico VIII, con cui generò la futura regina Elisabetta I prima di essere condannata al patibolo con false accuse – sono dedicati una biografia, Anna Bolena di Carolly Erickson e due romanzi  storici, Il diario segreto di Anna Bolena di Robin Maxwell e Regina di astuzie di Suzannah Dunn. Una storia interessante è anche quella della sorella minore di Anna, Maria Bolena, non una regina ma che fu anche lei amante di Enrico VIII: la sua storia è raccontata ancora da Philippa Gregory nel libro L’altra donna del re. L’ultima moglie di Enrico VIII, uno dei nostri ultimi acquisti, è invece il libro che sempre Carolly Erickson ha scritto su Catherine Parr, sesta e ultima moglie del re che riuscirà a scampare a congiure ed esecuzioni; e sempre su Catherine Parr è il libro La sesta moglie di Suzannah Dunn. Certo per orientarsi in questo caotico susseguirsi di matrimoni, figli, divorzi e decapitazioni può essere utile una guida: per esempio Le sei mogli di Enrico VIII, di Antonia Fraser.

Donne celebri e controverse che ebbero figlie ancora più volitive e famose: per esempio Maria Tudor, figlia di Caterina d’Aragona e praticamente ripudiata dal padre, che regnò sull’Inghilterra per cinque anni che le valsero l’appellativo di “sanguinaria” a causa delle sue repressioni contro i protestanti. A lei è dedicata la biografia di Carolly Erickson Maria la sanguinaria: miserie e grandezze alla corte dei Tudor.

A Maria successe la figlia di Enrico VIII e di Anna Bolena, e cioè quell’Elisabetta I d’Inghilterra sotto il cui regno la nazione visse una stagione di grandezza e splendore . Davvero non bastano queste poche righe per riassumere la sua vita e le sue imprese, ed è poco lo spazio per elencare i diversissimi titoli in catalogo che parlano di lei: fra questi, Elisabetta I: la vergine regina di Carolly Erickson, Elisabetta I, rosa dei Tudor di Kathryn Lasky (un libro per le teenager, in forma di diario), Elisabetta: la regina che sposò la patria di Riyoko Ikeda (manga in volume unico della stessa autrice di Lady Oscar), o ancora Il bastardo della regina di Maxwell Robin, una fantasia romanzata su un presunto figlio di Elisabetta e del suo amante Robert Dudley – a sua volta protagonista de L’amante della regina vergine di Philippa Gregory.

La quantità di titoli su Elisabetta I ha un paragone soltanto con la bibliografia relativa alla regina Maria Antonietta d’Asburgo-Lorena, regina di Francia: moglie-bambina di Luigi XVI, protagonista degli splendori di Versailles e travolta dalla Rivoluzione Francese. La biografia più importante scritta su di lei è forse quella di Stefan Zweig, intitolata Maria Antonietta; ma si devono citare anche Maria Antonietta: l’ultima regina di Evelyne Lever, Maria Antonietta: la solitudine di una regina di Antonia Fraser, Maria Antonietta e Il diario segreto di Maria Antonietta di Carolly Erickson. La regina di Francia inoltre è la co-protagonista di uno dei più celebri manga (e poi anime) di tutti i tempi: La rosa di Versailles, meglio conosciuto come Lady Oscar, di Riyoko Ikeda – di cui sono presenti in catalogo gli episodi in vhs e dvd. Un’ultima chicca: il libro La vita segreta di Maria Antonietta, le memorie scritte dalla sua dama di compagnia Madame Campan, che volle condividere con la sua amata regina anche i terribili giorni della prigionia prima della sua esecuzione.

Solo poco meno vasta è la bibliografia su una regina dalla vita meno turbolenta di quella delle sue “colleghe”, ma il cui regno fu il più longevo d’Inghilterra: fra i libri dedicati alla regina Vittoria di Regno Unito segnialiamo La piccola regina: Vittoria e il suo tempo di Carolly Erickson, La regina Vittoria di Giles Lytton Strachey (con un saggio di Virginia Woolf) e La regina Vittoria e il suo tempo di Roland Marx.

E per quanto riguarda regine meno decisive e importanti per le sorti del mondo – ma non meno interessanti? Sulla tragica vita di Maria Stuarda ci sono due libri di Antonia Fraser (Maria Stuarda regina di Scozia; Maria Stuart la tragedia di una regina). Su Cristina di Svezia – la sovrana illuminata e filosofa che andava a caccia, studiava e si interessava di politica quanto un uomo – ci sono Cristina regina di Svezia di Veronica Buckley e La regina di Roma di Daniela Pizzigalli. E di nuovo Carolly Erickson, che ha studiato la vita di molte sovrane dei secoli passati, ha scritto anche di Caterina II di Russia (La grande Caterina: una straniera sul trono degli Zar), di Giuseppina Beauharnais, prima moglie di Napoleone (L’imperatrice creola) e della zarina Alessandra di Russia (La zarina Alessandra: il destino dell’ultima imperatrice di Russia).

Ma come dimenticare, infine, l’amatissima Sissi, ovvero l’imperatrice Elisabetta d’Austria? Al suo mito romantico, incarnato tanti anni fa sullo schermo da Romy Schneider ma evidentemente ancora ben vivo, sono dedicati L’imperatrice Elisabetta: la vita di Sissi tra mito e realtà di Gabriele Praschl-Bichler, L’imperatrice Sissi di Erika Bestenreiner, La più bella del reame di Vanna Cercenà (libro per ragazzi della collana “Sirene” delle edizioni EL), Sissi, una ribelle alla corte di Vienna di Edi Vesco (sempre per ragazzi), Sissi, vita e leggenda di un’imperatrice di Nicole Avril, Valzer nero: il racconto della vita di Sissi di Ana Maria Moix, Il Valzer incompiuto di Catherine Clement. E tanti tanti altri, rintracciabili semplicemente cercando “Sissi” sul catalogo del Csbno.

Concludiamo questa nutrita bibliografia sulle regine dell’estate con una serie di film, sempre prenotabili dal nostro catalogo:

  • Elizabeth, di Shekar Khapur – Con Cate Blanchett, Geoffrey Rush, Joseph Fiennes, Richard Attenborough, Fanny Ardant. Prima parte del dittico con una superba Cate Blanchett nei panni di Elisabetta.
  • Elizabeth: the golden age, di  Shekar Khapur – Con Cate Blanchett, Geoffrey Rush, Joseph Fiennes, Richard Attenborough, Fanny Ardant (attenzione: titolo prenotabile ma non ancora disponibile al prestito, in ottemperanza alle leggi sul diritto d’autore).
  • Shakespeare in love, di John Madden – Con Gwyneth Paltrow, Joseph Fiennes, Judy Dench, Ben Affleck e Colin Firth. Dove tra l’altro troviamo, a favorire il giovane Shakespeare, un’attempata Elisabetta interpretata da Judy Dench.
  • L’altra donna del re, di Justin Chadwick – Con Natalie Portman, Scarlett Johansson, Eric Bana. Due grandi attrici interpretano le sorelle Anna e Maria Bolena (attenzione: titolo prenotabile ma non ancora disponibile al prestito, in ottemperanza alle leggi sul diritto d’autore).
  • Marie Antoinette, di Sofia Coppola – Con Kirsten Dunst, Asia Argento, Rip Torn, Steve Coogan, Judy Davis. Una singolare rivisitazione della vita di una regina triste, fra ricostruzione storica e suggestioni pop-punk.
  • La giovane regina Vittoria, di Ernst Marischka – Con Romy Schneider, Magda Schneider, Adrian Hoven. Il classico film del 1954 con una giovanissima Romy Schneider.
  • La trilogia di Sissi: La principessa Sissi, Sissi la giovane imperatrice e Sissi il destino di un’imperatrice. Resi celebri da Romy Schneider e programmati fino alla nausea da mamma Rai, questi film degli anni ’50 – dai quali si direbbe che nessuna donna italiana, per almeno tre generazioni, sia rimasta indenne – sono ancora sorprendentemente molto prenotati nel nostro catalogo.

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: